{{ 'Go back' | translate}}
Njus logo

Calcio notizia | Njus Italia

Atalanta, ecco le maglia per la stagione della Champions League

Calcio BergamoNews

Svelate le divise che accompagneranno i nerazzurri nel prossimo campionato L'articolo Atalanta, ecco le maglia per la stagione della Champions League sembra essere il primo su BergamoNews .
'Sono state presentate al Roof Garden Restaurant San Marco di Bergamo le maglie gara per la Serie A TIM 2019-2020 dell’Atalanta. Maglie prodotte da Joma per il club nerazzurro. La cura dei dettagli e la ricerca del particolare uniti al rispetto della tradizione sono stati anche per questa stagione i fili conduttori nella creazione della prima e della seconda maglia, la terza maglia gara, invece, verrà svelata più avanti. Nell’occasione è stato inoltre ufficializzato l’ingresso di Gewiss anche quale partner di maglia. Gewiss sarà infatti terzo sponsor tra i partner di maglia che contano già RadiciGroup quale main sponsor, UPower in qualità di secondo sponsor; Automha pfficial sleeve partner e naturalmente Joma sponsor tecnico. Per realizzare i capi sono stati applicati tutti gli standard qualitativi previsti da Joma sia per quanto riguarda le maglie da gioco dei calciatori, che per le le maglie destinate alla vendita, identiche a quelle fornite alla squadra. L’idea di Joma è di progettare e produrre seguendo le ultime tecnologie dell’abbigliamento sportivo, per migliorare costantemente il comfort dei giocatori e al tempo stesso offrire ai tifosi un prodotto di alta qualità. Le maglie sono realizzate in poliestere sportivo, tessuto che si caratterizza per la sua qualità, elasticità e resistenza. Questo tessuto vanta un’elevata traspirabilità, grazie all’applicazione di una finitura di ultima generazione che conferisce al capo una maggiore capacità di trasferire il sudore verso l’esterno per una rapida evaporazione, mantenendo il corpo sempre asciutto. Nelle zone di massima sudorazione e concentrazione del calore corporeo, dove il giocatore ha bisogno di una traspirazione maggiore, il poliestere sportivo è stato sostituito dal MESH, un tessuto elastico con trattamento antibatterico che si caratterizza per la sua microporosità e capacità di ventilazione. Grazie a questa ventilazione, l’afflusso di aria consente di mantenere il corpo sempre asciutto e ad una temperatura costante, favorendo così le prestazioni tecniche. PRIMA MAGLIA La maglia è caratterizzata da un nuovo disegno che favorisce una maggior aderenza al corpo, con l’obiettivo di migliorare il comfort dell’atleta. La nuova maglia dell’Atalanta per la stagione 2019-2020 si contraddistingue inoltre per il colletto a polo con rib elastico e chiusura a scomparsa, in stile retrò. Tra i nuovi dettagli la realizzazione della maglia con un tessuto con trama orizzontale capace di apparire allo stesso tempo lucido e opaco a seconda del movimento. SECONDA MAGLIA La seconda divisa dell’Atalanta, come da tradizione bianca, si distingue per l’inserimento di una fascia nera e azzurra, nella parte superiore. La vera novità è però rappresentata dall’inserimento del logo dell’Atalanta che corre, lo stesso logo che era già presente sulle maglie dei nero azzurri tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ‘80. Il colletto, di colore nero, è a V, mentre i bordi manica sono realizzati in costina e riprendono i colori sociali del Club. Altro particolare che caratterizza la nuova maglia da trasferta è l’inserimento del profilo di Città Alta con tecnica embossed, collocato nella parte frontale della maglia, vicino al bordo inferiore. I calciatori ed i suoi tifosi indosseranno delle maglie completamente personalizzate: sulla parte interna del collo di tutti i kit è stata aggiunta la stampa con la frase “LA MAGLIA SUDATA SEMPRE”, dietro il colletto il nome del club con l’anno di fondazione, ATALANTA B.C. 1907, e nella parte interna del fondo della maglia da trasferta un inserto in poliestere in cui sono rappresentati il logo di Atalanta che corre e la scritta ATALANTA B.C. L'articolo Atalanta, ecco le maglia per la stagione della Champions League sembra essere il primo su BergamoNews .'